BLOG

- LA SORGENTE DEL SILENZIO -

Conosci Te Stesso

11/01/2018

Più conosci te stesso e più sei in grado di accettare o rifiutare quello che gli altri dicono di te. Spesso le persone che ti vogliono oscurare sono persone sofferenti ed è con loro stesse che devono risolvere la questione. Non prenderti quindi a carico i loro problemi. Se conosci te stesso, non accetti parole che ti tolgono valore, ma eserciti la fermezza e con tranquillità. Ti puoi allora dedicare a coltivare un terreno dove possano attecchire semi creativi, che ti permettono di elevarti spiritualmente. Questo, ovviamente, è uno stato che va costruito con la pratica e si può allenare continuamente facendone esperienza. Finché non si raggiunge questo stato, la cosa più automatica che può accadere è la reazione, di qualsiasi tipo essa sia, di chiusura, di rabbia, di dolore, ecc. La reazione ti rende assente e apre un varco a energie che hanno una forma che non ti appartiene. Essa occupa la tua mente offuscandola, si esprime attraverso il fuoco delle tue emozioni e ti fa perdere la lucidità.

E’ importante prendersi cura di condurre una vita giusta, equilibrata, sana sia a livello fisico che spirituale. La vita intera è un percorso che abbiamo a disposizione per conoscere i nostri meccanismi e per migliorarci. Migliorare noi stessi significa anche irrobustirci interiormente e sentirci sempre più parte del mondo dello Spirito. Tutto quello che possiamo fare, anche se si tratta di azioni rivolte ad altri, è di riportare sempre tutto su di noi. Mi sembra superfluo, in questo contesto, precisare che non è un atteggiamento adulto incolpare gli altri per ciò che ci accade, perché questo è un concetto già ampiamente diffuso negli ambiti di chi persegue una ricerca spirituale, anche se non sempre viene applicato. Allo stesso modo va considerato il fatto che, in uno stato ipnotico collettivo, gli stimoli e i continui condizionamenti ci rendono schiavi, finché non riusciamo a prendere maggiore coscienza di noi stessi e ad abbozzare qualche passo verso la libertà. Di queste catene invisibili che ci trattengono, quando ce ne accorgiamo, abbiamo la possibilità di liberarci, ma questo prevede delle azioni, un impegno a esplorare noi stessi, cominciando a sviluppare “il ricordo di sé”.

Ci sono influenze esterne, parlo soprattutto di quelle che ti danneggiano, come ad esempio quando altre persone ti dicono delle parole per ferirti o per limitarti. Spesso, in questi casi, se tu credi a quelle parole e lasci che s'insinuino nel tuo essere, cominci a stare male e a convincerti che tu sei veramente così, andando magari anche a richiamare qualcosa che è depositato nel tuo inconscio e che è collegato con altre esperienze dolorose simili del tuo passato. Allora impegnati ad avere più chiarezza di chi sei, così quando qualcuno ti verrà a dire che sei qualcos’altro, sarai sicuro che non è così e lascerai a lui o a lei quello che non riconosci in te. Mantieni così integra la tua forza, non produrrai sofferenza, ma piuttosto determinazione nell’essere te stesso.

Esistono esercizi specifici di osservazione e di concentrazione che vanno portati avanti con perseveranza e che sono molto utili per migliorare la propria integrità.

 

Anna Di Natale

www.letturadellaura.it

 

1 Photo by Elijah Hiett on Unsplash.com

3 Photo by Joshua Rawson-Harris on Unsplash.com

4 Photo by Dingzeyu Li on Unsplash.com

Please reload

Questo sito web www.letturadellaura.it non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Per Contattarci          Chiama il Tel. +39 348 0007307          Tel. +39 348 0606735          E-mail: scuolaletturadellaura@gmail.com