BLOG

- LA SORGENTE DEL SILENZIO -

Il Trattamento Olografico dell’Aura

13/06/2016

Dobbiamo immaginare l’Aura come un grande strumento musicale, formato da tante corde che vibrano. Queste corde sono campi di energia, esse suonano e sono attraversate da energia. Le possiamo percepire sottoforma di colore, di luce, come onde oppure come sensazioni tattili sottili sul palmo delle mani. Si tratta di un accordo musicale con la Sorgente.

Intorno a noi c’è un campo di energia formato da linee vibranti. E’ un circuito di linee che si chiudono e s'intersecano. Pizzicando determinate corde con l’intenzione, sarà il campo magnetico dell'aura e del centro del cuore a riequilibrarsi.

Il trattamento equivale a liberare tossine energetiche e a ridistribuire l’energia per alleggerire le zone sovraccariche e potenziare invece le zone del Campo Energetico dell’Aura che risultano maggiormente scariche. Potrebbero esserci anche delle brecce eteriche, che sono delle sfilacciature della trama del tessuto energetico dell’aura, che provocano una fuoriuscita di energia. In questo caso, oltre che intervenire direttamente sull’Aura per rinforzare il tessuto energetico in quella zona, è bene portare l’attenzione su eventuali situazioni che una persona vive e che le provocano perdita di energia, in modo da potenziare l’effetto del trattamento. Si può lavorare anche solo sulla parte anteriore del corpo della persona che si trova distesa supina su un lettino, perché essa non è altro che un ologramma, quindi quando si dà uno stimolo quest’ultimo si estende anche nelle zone posteriori del corpo. Inoltre, attraverso l’estroflessione dell’Aura,  l’operatore si può muovere intorno al lettino.

Il rilassamento della persona che riceve il trattamento e anche quello dell’operatore è molto importante perché crea una maggiore predisposizione a lasciarsi andare e ad essere più ricettivi. Ci sono diverse densità all’interno dell’Aura, una dentro l’altra ed è possibile agire da differenti distanze durante il trattamento, senza alterare in nessun modo la qualità dell’informazione.

La modalità che l’operatore utilizza in questo trattamento è passiva, basata sull’accoglienza, perciò non si fa altro che attendere che la percezione arrivi da sé. Anche nel dare uno stimolo al Campo energetico ci si fa da parte e la partecipazione dell’operatore diventa impersonale. Un’altra funzione di questo trattamento è quella di favorire il fluire energetico dei chakras che hanno forma di vortice, per riequilibrare i diversi aspetti ad essi collegati.

Un aspetto molto importante da esercitare, per imparare questo trattamento, è il distacco emotivo. Noi non amiamo insegnare mille tecniche di protezione, ma insistiamo affinché si migliori il proprio stato di presenza e si pratichi il distacco, rispettando quindi con consapevolezza la legge di risonanza e rimanendo aperti a ciò che accade. Questo è il motivo per cui l’operatore può apprendere dal suo assistito, un perfetto specchio, il suo stesso stato del momento. Se si tiene conto della legge dello specchio, ammesso che ci si accorga e per questo ci vuole allenamento, si può meglio gestire la risonanza e non c’è pericolo di attrarsi ciò che può disturbare e che non si conosce. Vi ricordo che l’energia è energia, non è né buona e né cattiva. L’Aura non è statica, è dinamica e quando si osservano i suoi movimenti, da una posizione veramente neutrale, già si sta provocando un processo di auto-guarigione.

 

Anna Di Natale

 

A Genova il 25/26 giugno e a Roma il 2/3 luglio condurrò insieme a Roberto Mantovani il Corso di Trattamento sull’Aura con il Metodo Olografico Mantovani-Di Natale.

Per informazioni: Anna Tel. 348 0007307 - E-mail: alpha.centauri@email.it

Please reload

Questo sito web www.letturadellaura.it non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Per Contattarci          Chiama il Tel. +39 348 0007307          Tel. +39 348 0606735          E-mail: scuolaletturadellaura@gmail.com