BLOG

- LA SORGENTE DEL SILENZIO -

Operare in modo olistico

25/10/2015

 ​​

Operare in modo olistico significa prima di tutto essere presente con la coscienza. Questo è un atto interiore essenziale, perché possa accogliere nell'ascolto senza giudizio l'altra persona, con tutto il suo mondo che porta con sé. Con responsabilità, cioè con la capacità di rispondere con competenza e in modo adeguato in sintonia con la situazione umana del momento. Per fare questo è necessario che rimanga il più possibile sveglio, nella consapevolezza, in osservazione costante di me stesso, monitorando le sensazioni fisiche, le emozioni e i pensieri che mi attraversano. Altrimenti non creo una vera accoglienza, ma una proiezione, più o meno intensa, del mio vissuto e non c'è più spazio per l'altra persona. Ricordandomi anche che ciò che comunemente è chiamato "l'altro", è in realtà uno specchio di me stesso. Dovrei senza dubbio ringraziarlo, perché, prima ancora di trovarmi in una seduta dove svolgo una professione d'aiuto, ho di fronte il mio migliore maestro, attraverso cui la Vita mi sta mostrando dove sono, in che posizione nei confronti della Consapevolezza mi trovo e se vivo veramente in questo momento presente. Se questo presupposto fondamentale è soddisfatto, allora sono pronto per prendermi cura dell'altra persona, il più possibile con neutralità e totalità, ascoltandola e fornendole tutto ciò che rientra nelle mie competenze. Con l'umiltà e l'onestà di dichiarare a me stesso e all'altra persona se l'aiuto che mi viene richiesto va oltre i limiti del mio operare. Senza, naturalmente, in questo caso creare una dinamica di abbandono (per non aggravare ancora di più ciò che è già presente in buona parte della popolazione umana!), ma delegando e consigliando un professionista o un percorso adeguato alle esigenze della persona che mi sta chiedendo aiuto. Perciò, perché l'operare sia olistico (dal greco antico "olos" = tutto), non mi dimentico né di me, né dell'altro. Perché sia il primo che il secondo oblio, portano la relazione d'aiuto alla deriva. Se deve essere "olos", allora deve esserci unione, collaborazione, comprensione, senso di Unità. Così dovrebbe essere anche in tutte le relazioni umane. Un mondo differente da quello attuale, qualitativamente migliore, può trasformarsi ed essere attuato da noi, passando proprio per "olos", per sentirci Tutto.

Please reload

Questo sito web www.letturadellaura.it non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Per Contattarci          Chiama il Tel. +39 348 0007307          Tel. +39 348 0606735          E-mail: scuolaletturadellaura@gmail.com